Mozioni - Caltanissetta 5 stelle

Vai ai contenuti

Menu principale:

I nostri lavori
COMUNE DI CALTANISSETTA

Mozione per conferimento cittadinanza onoraria ad Antonino Di Matteo

Al Sindaco di Caltanissetta Dott. Giovanni Ruvolo
Alla Presidente del Consiglio Comunale Dott.sa Leyla Montagnino

Il sottoscritto Giovanni Magrì , consigliere del Movimento Cinque Stelle in codesta Amministrazione premette:

-che Antonino Di Matteo è un magistrato italiano membro del pool antimafia della Procura di Palermo, nato a Palermo nel 1961; entrato in magistratura nel 1991 come sostituto procuratore presso la DDA di Caltanissetta. Divenuto pubblico ministero a Palermo nel 1999, ha iniziato a indagare sulle stragi di mafia in cui sono stati uccisi Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e gli agenti delle rispettive scorte, oltre che sugli omicidi di Rocco Chinnici e Antonino Saetta; per l'omicidio Chinnici ha rilevato nuovi indizi sulla base dei quali ha riaperto le indagini ottenendo, in processo, la condanna anche dei mandanti, riconosciuti in Ignazio e Antonino Salvo, mentre per l'omicidio Saetta otteneva l'irrogazione del primo ergastolo per Totò Riina;

-che a seguito alle minacce ricevute, Di Matteo è stato sottoposto a eccezionali misure di sicurezza (compresa l'assegnazione del dispositivo Bomb Jammer), annunciate alla stampa dallo stesso ministro dell'interno Alfano, elevando il grado di protezione al massimo livello; sola assegnazione sulla carta, perché da parecchie settimane l'auto attrezzata di tutto punto con il dispositivo della discordia è pronta, ma giace nel parcheggio di una caserma palermitana, e a nulla sono valse le mobilitazioni dell'associazionismo civile, i cortei, i sit-in, le raccolte firme e quant'altro i liberi cittadini possano fare. Gli uomini della scorta. (Carabinieri del Nucleo Scorte del comando provinciale e Gruppo di Intervento Speciale) hanno persino frequentato il corso di specializzazione ma, nulla da fare.

Considerato:
-che è nostro dovere coltivare la passione civile ed evitare di adeguarci alla deriva prevalente di un Paese sempre più indifferente alla giustizia, insofferente alla verità, all’indipendenza della magistratura e alla tutela vera dei valori costituzionali;

-che è di questi giorni la notizia che il tritolo per il PM della “trattativa” è pronto, nascosto da qualche parte nelle borgate di Palermo, e il neopentito Vito Galatolo ha raccontato come il piano di morte per Antonino Di Matteo sia pronto a scattare;

-che la cittadinanza onoraria al Magistrato Antonino Di Matteo, rientra nella logica di non lasciare soli i servitori dello Stato che svolgono con diligenza il proprio lavoro e per l’attività che sta svolgendo e i rischi cui è esposto, la massima attenzione e vicinanza da parte dei cittadini.

Si chiede
A tutte le coscienze civili e democratiche del Consiglio Comunale di Caltanissetta, di non lasciare solo questo coraggioso magistrato e di sostenere la mozione, mettendo da parte bandiere e appartenenze politiche.

Si impegna Sindaco e Giunta:
ad attivarsi per il conferimento ad Antonino Di Matteo, della cittadinanza onoraria, esprimendo con questo gesto vicinanza, piena solidarietà, senso civico e morale di una comunità che intende rendere omaggio a un uomo, simbolo di un’Italia che con dedizione, impegno e senso del dovere, porta avanti il proprio lavoro di ricerca della verità, nonostante le violente pressioni cui lui e i suoi familiari sono sottoposti.

30 novembre 2015 
Giovanni Magrì
Movimento Cinque stelle di Caltanissetta










 
Torna ai contenuti | Torna al menu